ALCUNI GIUDIZI SUL FASCISMO

Giovanni Amendola: “Dobbiamo riconoscere all’on,. Mussolini la volontà precisa di ripristinare l’ordine intero” Giovanni Amendola sul “Mondo”,nel 1923

Roald Engelbreth Amundsen: “Soltanto Napoleone puo’ paragonarsi a  Mussolini”

Giulio Andreotti: “Nessun rilievo si può fare alla correttezza di Mussolini nella gestione finanziaria dello Stato” su LA TERRA dal 1942 al 1943.

Anton Arida, Patriarca maronita di Egitto: “Un uomo straordinario che la Provvidenza ha mandato all’Italia per trarla dal caos nel quale era caduta , e per avviarla verso i suoi più alti destini: Mussolini è un benefattore dellìItalia e del mondo intero”

Isaak Babel, scrittore sovietico e cantore dell’armata rossa, nel 1932: ”…Il cambiamento era enorme, le ferrovie migliori d’Europa, la miseria era diminuita…c’erano i nostri ingegneri giunti per imparare ….in genere si può dire che al mondo oggi non c’è governo migliore di quello italiano.”

Stanley Baldwin: “non vi sono in Europa uomini di eccezione come Mussolini“

Piero Bargellini, senatore DC nel 1939: “….Uomini come Mussolini non hanno nulla da chiedere ai Cesari, anche nel fisico, anche nelle parole, anche nei gesti.”

Alexis Carrel: “Cesare, Napoleone, Mussolini: tutti i grandi conduttori di popoli crescono oltre la statura umana“

Chamberlain, Ministro degli esteri inglese scrive nel 1926 “Il signor Mussolini è un uomo meraviglioso….sta lavorando per la grandezza della Nazione…E’ fascista perché è italiano , non fa che tentare di correggere le manchevolezze impresse nel carattere degli italiani dalle vicissitudini della loro storia”

Wiston Churchill, Primo Ministro inglese: “il genio romano impersonato da Mussolini, il più grande legislatore vivente, ha mostrato a molte nazioni come si possa resistere all’incalzare del socialismo e ha indicato la strada che un paese può seguire quando sia coraggiosamente condotto. Col regime fascista, Mussolini ha stabilito un centro di orientamento dal quale le nazioni che sono impegnate nella lotta corpo a corpo contro il socialismo non devono esitare a essere guidate”

Massimo Gorky: “un uomo di intelligenza superiore“

Samuel John Gurney Hoare : “Mussolini e’ il massimo statista dell’Europa moderna“

Rudyard Kipling: “sappiatelo sempre amare questo meraviglioso vostro fratello , che protegge i vostri interessi ed il vostro avvenire Vogliategli bene sempre, con un affetto ideale costante; pensate che per l’Italia Egli e’ tutto”

Lenin: “E Mussolini, perché l’avete perduto? Male ,molto male . E’ un peccato, era un uomo deciso che avrebbe portato i socialisti alla vittoria”

Lloyd George: “Un Uomo che desta ammirazione anche tra i suoi nemici,e che ogni giorno detta leggi circa il modo di governare i popoli in momenti difficilissimi”

Tomas Mann: “Mussolini è un semidio“

Pio XI: Mussolini , “L’ uomo che la Provvidenza ci ha fatto incontrare” (giudizio condiviso da Papa roncalli).

PIO XII: “il piu’ grande uomo da me conosciuto,e senz’altro tra i piu’ profondamente buoni“

Franklin Delano Roosevelt: nel 1933: “ Mussolini deve passare alla Storia non soltanto come il restauratore delle fortune della sua Patria, ma anche come costruttore di una migliore forma di convivenza tra i popoli”
“Sono davvero ammirato di come Mussolini concepisce e risolve i maggiori problemi del giorno”

Palmiro Togliatti :“Noi comunisti facciamo nostro il programma fascista del 1919, che è un programma di pace, di libertà, di difesa degli interessi dei lavoratori”(Amendola -Storia del PCI-1921-1943, pag. 260-261

George Bernard Shaw: “Mussolini non e’ soltanto un uomo, ma una situazione storica“

Josef Stalin: “con la morte di Mussolini scompare uno dei più grandi uomini politici cui si deve rimproverare solamente di non aver messo al muro i suoi avvesari“

Igòr Stravinskij: “Mussolini e’ un uomo formidabile. Non credo che qualcuno abbia per Mussolini una venerazione maggiore della mia. Per me Egli e’ l’unico Uomo che conti nel mondo intero“

Don Luigi Sturzo: “Oggi vi è un Governo.Il capo mostra volontà ferma; si sente uno che comanda;dopo circa due anni che non si sentiva la  parola voglio c’è un uomo che vuole.L’Italia ha bisogno di chi comandi e di chi voglia e dimentichi i torti” (1922)
(da Aderirono al Fascismo)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...